468x60 Vacanze Ibiza
IlPendolare Magazine | Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
Sabato 20 luglio 2019
Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
InfoMobilita del 20/07/2019
\\ Home Page > Magazine > Numero 12 | Aprile 2008
Trasporti -
Un sms per viaggiare meglio, il servizio Infomobilità della Regione
(IPM) - 15/04/2008 - 

“Un sms per viaggiare meglio.” Con questo slogan si può sintetizzare il nuovo servizio messo a punto dalla Regione Lazio nell’ambito del piano di potenziamento dei servizi di Infomobilità e illustrato dal presidente della Regione, Piero Marrazzo, dall’assessore regionale alla Mobilità Franco Dalia e dal presidente dell’Aremol, Agenzia Regionale per la Mobilità, Clemente Ruggiero. Dal 10 marzo 2008 quindi gli utenti del trasporto regionale potranno inviare un messaggio gratuito dal proprio cellulare verso il “Centro Rilevazioni Reclami SMS”, segnalando i disservizi a bordo dei treni regionali e degli autobus di trasporto pubblico urbano ed extraurbano.
Il servizio è facilmente utilizzabile: rilevato un disservizio, l’utente dovrà inviare un normale sms di testo al numero gratuito 48310 indicando il treno o il bus su cui viaggia, specificando anche la corsa (per esempio: “sul treno regionale da Roma per Civitavecchia delle ore 10.30 il riscaldamento non funziona”). L’Aremol, invierà un sms di risposta al numero dell’utente che ha segnalato il disservizio e attiverà le necessarie indagini presso le aziende di trasporto.
L’iniziativa rientra in un progetto più ampio denominato “Sportello del Pendolare”, che prevede la creazione di uno sportello telematico in grado di raccogliere i reclami degli utenti del trasporto pubblico e di effettuare indagini sul livello di soddisfazione dell’utenza.
“Una grande rivoluzione nel trasporto - ha affermato Marrazzo - in quanto ottimizza il trasporto permettendo di gestire al meglio le risorse disponibili. Da oggi il Lazio risponde al cittadino in maniera sostanziale, aumentando la customer satisfaction. La Regione ha molto a cuore i pendolari e, grazie a questo nuovo sistema, li metterà in condizione di dialogare attivamente e a costo zero con le strutture.”
“Lo sviluppo del sistema di Infomobilità ci ha richiesto un grande impegno organizzativo”, ha dichiarato Clemente Ruggiero, il Presidente dell’AREMOL, aggiungendo che “il progetto sarà la porta per un nuovo dialogo tra Regione e cittadini. AREMOL attraverso questo nuovo servizio fornirà ai vari gestori del trasporto pubblico gli strumenti per riportare il trasporto regionale ai primi posti per efficienza e sicurezza. Il servizio di sms permetterà di estendere presto l’attività di monitoraggio della qualità del servizio, già attiva sui mezzi Trenitalia, anche al trasporto pubblico su gomma, in modo da avere un monitoraggio totale del trasporto pubblico sul territorio regionale”.
La piattaforma operativa è infatti attiva 24 ore su 24, ed in grado di comprendere il testo generico presente nell’sms estraendo da esso tutte le informazioni relative al problema, come numero del treno o del bus, della linea, orario e simili, effettuando automaticamente la classificazione del problema. Il software che elabora i dati è inoltre in grado di riconoscere eventuali frequenze anomale di messaggi sulla base di alcuni valori preimpostati. Qualora venissero infatti ricevute un numero elevato di segnalazioni relative ad una stessa linea od uno stesso treno in un breve arco di tempo, è probabile che si sia verificato un problema inconsueto. Il sistema, quindi, allerta immediatamente i tecnici dell’AREMOL al fine di mettere in atto nel più breve tempo possibile eventuali azioni correttive.
“Infomobilità - ha dichiarato Dalia - rappresenta la grande novità del futuro, un’innovazione volta a migliorare il trasporto e rompere l’immobilismo che finora ha regnato nella politica della mobilità. Il Lazio è la prima regione ad avere adottato un simile servizio informativo, primo passo verso il cambiamento della mobilità regionale. Nei prossimi mesi produrremo altri interventi che muteranno radicalmente il volto della mobilità nella nostra regione”.
Con questi nuovi strumenti la Regione Lazio ed gli Enti Locali affidatari dei servizi di trasporto pubblico locale avranno la possibilità di migliorare la pianificazione, la gestione ed il controllo dei contratti di servizio, l’operatore di sfruttare al meglio la capacità e migliorare la sicurezza dell’infrastruttura, a costi relativamente contenuti; il gestore di flotte del trasporto pubblico di conoscere la situazione dei mezzi, ritardi e simili, determinare le rotte più efficienti e aggiornare il cliente sull’arrivo a destinazione, mentre il passeggero potrà essere aggiornato sulle condizioni del vettore e di scegliere ed utilizzare le varie opportunità di viaggio secondo i suoi desideri;
Per il presidente della Commissione Mobilità del Consiglio Regionale, Enrico Luciani “la realizzazione di un centro reclami per gli utenti, la possibilità di segnalare disservizi con un sms e, in generale, l'utilizzo delle nuove tecnologie per aumentare in termini di quantità e qualità la comunicazione tra i passeggeri e le aziende di trasporto, sono tutte iniziative finalizzate al miglioramento del rapporto tra utenti, aziende e istituzioni.
Parole di soddisfazione, a margine della presentazione, anche da parte di Stefano Bianchi, presidente di Metropolitana di Roma SpA per il quale la società ha già raggiunto buoni livelli di qualità del servizio. “Tramite il nuovo servizio messo a punto dalla Regione Lazio - puntualizza Bianchi - l’azienda avrà uno strumento aggiuntivo che le permetterà di arrivare all’eccellenza nel trasporto”.
La presidente della commissione per la Tutela dei Consumatori, Wanda Ciaraldi, ha ribadito “l'importanza del dialogo e del confronto costante tra i cittadini e le istituzioni o, come in questo caso, le aziende, tanto più in un settore così delicato come quello dei trasporti. Ci sono quasi 800 mila pendolari che ogni giorno si spostano nel Lazio con vari mezzi ed è nostro dovere preoccuparci della qualità e della sicurezza dei servizi offerti”.
Soddisfatto infine anche il CeSMoT, Centro Studi sulla Mobilità e i Trasporti, secondo il quale “da oggi i numerosi utenti del trasporto pubblico regionale hanno uno strumento in più per dialogare con l’Amministrazione e segnalare rapidamente eventuali criticità rilevate durante il viaggio, partecipando attivamente al miglioramento del servizio stesso. Ci auguriamo, quindi, che le segnalazioni degli utenti vengano prontamente recepite e che le criticità segnalate vengano rapidamente sanate”.
Attraverso questo nuovo servizio ogni utente del trasporto pubblico laziale potrà d’ora in poi essere parte attiva nel processo di miglioramento della qualità del servizio di trasporto pubblico extraurbano, instaurando un dialogo diretto con le istituzioni.

IPM - IlPendolareMagazine © www.ilpendolare.it



I Vostri Commenti

 
Articoli Correlati

Premiati i vincitori della VI edizione di Parole in Corsa 




   
Mensile
 
Highlights
 
Sezioni
 
Arretrati
Notiziario
 
InfoMobilità
     



a cura di ilMeteo.it