IlPendolare Magazine | Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
Domenica 22 settembre 2019
Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
InfoMobilita del 22/09/2019
\\ Home Page > Magazine > Numero 2 | Aprile 2007
Trasporti -
Trambus rafforza il servizio per i diversamente abili con autovetture e nuovi minibus attrezzati
(IPM) - 22/03/2007 - 

Importanti novità a Roma per il trasporto dedicato alle persone diversamente abili. Aumenta dell'86% l'offerta complessiva di TrambusAbile, il servizio di trasporto dedicato ai disabili, realizzato da Trambus in collaborazione con il V dipartimento del Comune di Roma. Passeranno dagli attuali 59 a 85 i minibus attrezzati M1 (Fiat Ducato), con capienza di cinque persone + 1 in carrozzina, mentre novità del progetto è l'entrata in servizio di 25 autovetture Fiat Punto Diesel a 4 porte che verranno messe a disposizione dei non vedenti e dei disabili deambulanti. In futuro le stesse vetture saranno sostituite da altrettanti veicoli elettrici fornite da Trambus Electric, la società del gruppo Trambus che si occupa di trasporti eco-compatibili, concorrendo così ad offrire un servizio oltre che di carattere sociale anche ecologico.
Il potenziamento del servizio TrambusAbile è stato presentato lo scorso 17 marzo presso la Sala delle Bandiere in Campidoglio, alla presenza del sindaco di Roma, Walter Veltroni, del Consigliere Delegato per le Politiche dell'Handicap, Ileana Argentin, e del Presidente e dell'Amministratore delegato di Trambus, Raffaele Morese e Filippo Allegra.
Con l'arrivo dei nuovi mezzi saranno a disposizione dei diversamente abili un totale di 110 vetture, in servizio tutti i giorni feriali dalle ore 6.30 alle 22, che permetteranno di raddoppiare il numero di passeggeri trasportati, che passeranno dagli attuali 370 passeggeri/giorno a circa 800 passeggeri/giorno, ai quali vanno aggiunti i circa 1050 disabili già serviti tramite il servizio taxi.
Le modalità per accedere al servizio di trasporto sono tre: a prenotazione, a chiamata e a pagamento. Nei primi due casi occorre essere autorizzati ed accreditati dal Comune di Roma che si fa carico del costo economico. Il servizio a prenotazione viene pianificato sulla base delle schede-utenti per spostamenti sistematici, mentre quello a chiamata è svolto per trasporti estemporanei, con richieste inoltrate alla Centrale Operativa con almeno un giorno di preavviso. Per i servizi a pagamento, disponibili per chiunque lo richieda, occorre invece la sola prenotazione telefonica almeno entro il giorno prima del viaggio, compatibilmente con i servizi già pianificati e la disponibilità di vetture.
La Centrale Disabili Trambus risponde tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 7.00 alle 18.30 con orario continuato, e il sabato dalle 7.00 alle 12.30 al numero 06-46954001 o all'indirizzo mail trambus.ap.co@trambus.com
Inoltre Trambus garantisce la mobilità dei cittadini con difficoltà motorie anche attraverso i mezzi ordinari, autobus, filobus e tram, il 65% dei quali attrezzati con posto riservato per i disabili e pedana per l'accesso. Ulteriore dato rilevante è che l'85% della flotta Trambus è dotata di pianale ribassato, con evidenti vantaggi sia per l'utenza normale che per quella con disabilità.
Il sindaco Veltroni, commendo l'iniziativa ha illustrato il dato che a Roma ci sono circa 60mila disabili di cui circa un terzo con difficoltà motori e che "proprio per garantire il loro il pieno diritto alla mobilità ed azzerare le liste di attesa il Comune di Roma ha stanziato 1,5 milioni di euro per il potenziamento del servizio di trasporto a loro dedicato". Veltroni ha inoltre ricordato la progettazione e realizzazione di un autobus Gran Turismo da 12 metri, esemplare unico in Italia, dedicato al trasporto esclusivo di cittadini disabili.
Grande soddisfazione da parte di Ileana Argentin. "Finalmente siamo riusciti a dare un importante segnale ai cittadini, riuscendo ad azzerare le le liste di attesa per i disabili. E' stato possibile raggiungere questo grande ed importante traguardo, grazie ad una perfetta intesa con Trambus e alla prontezza da parte dell'Amministrazione Comunale nel rispondere alle esigenze della cittadinanza, effettuando importanti stanziamenti che permetteranno di ottimizzare il trasporto disabili, con una rete mirata alle esigenze delle diverse abilità che vede al centro di tutto la persona e non la categoria".
"Da sempre Trambus è attenta alle esigenze di mobilità della fasce più deboli - ha commentato Allegra - Nel 2006 sono state soddisfatte circa 86mila richieste di servizio, a cui si aggiungono le oltre 28mila in convenzione con quattro municipi (III, IV, IX e XVI) e l'Università Roma Tre. Inoltre proprio grazie all'entrata in servizio delle 25 autovetture aziendali destinate al trasporto dei cittadini ipovedenti e dei disabili che non necessitano di mezzi attrezzati con pedane di sollevamento e il conseguente recupero di minibus, Trambus riuscirà in pratica ad azzerare completamente la lista d'attesa offrendo il servizio anche a coloro che finora non hanno potuto fruirne a pieno".
Un commento positivo anche dall'associazionismo legato al mondo cattolico "Il progetto del Campidoglio e di Trambus - ha dichiarato il MOV, Movimento Volontari Don Orione - rappresenta un segno importante di attenzione al mondo diversamente abile in una grande città come Roma, che tende a emarginare soprattutto le categorie più svantaggiate. Plauso al Comune di Roma, sempre attento nel sostegno e nella realizzazione di progetti a favore dei diversamente abili ed un invito a considerare la disabilità una vera risorsa, un valore aggiunto per la nostra città. Ben vengano nuovi mezzi e progetti, ma è ancora più necessario un cambiamento di mentalità e di cultura per fare in modo che il disabile sia a tutti gli effeti un cittadino".
Anche il satellite viene in aiuto per un servizio sempre più di qualità. A partire dal 1 gennaio 2007 Trambus ha avviato una serie di iniziative per rafforzare le attività di controllo sul servizio di trasporto dedicato ai cittadini diversamente abili. Punta di lancia dell'operazione è il completamento di un sistema di localizzazione satellitare su tutta la flotta TrambusAbile e l'informatizzazione dei mezzi e della centrale operativa per la gestione del servizio in tempo reale: un sistema satellitare segue il mezzo per le strade della capitale.
Infatti, grazie inoltre al controllo satellitare tramite GPS ed al terminale di bordo AVM (Automatic Veichle Monitoring), installato sulle vetture, la Centrale Operativa di Trambus potrà seguire in ogni momento il percorso della vettura, permettendo di gestire tempestivamente eventuali anomalie come ritardi ricalcolando automaticamente il percorso. Il sistema di bordo permetterà inoltre di inviare con un anticipo predefinito e configurabile per ogni utente, direttamente sul cellulare del passeggero da prelevare, un sms con l'informazione di "vettura in arrivo". Questa funzionalità risulta particolarmente utile per il servizio di trasporto disabili in quanto questa categoria di utenti potrebbe subire disagi per una prolungata attesa del veicolo su strada dovuta a ritardi imprevisti.

IPM - IlPendolareMagazine © www.ilpendolare.it



I Vostri Commenti

 
Articoli Correlati

Premiati i vincitori della VI edizione di Parole in Corsa 




   
Mensile
 
Highlights
 
Sezioni
 
Arretrati
Notiziario
 
InfoMobilità
     



a cura di ilMeteo.it