IlPendolare Magazine | Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
Sabato 25 maggio 2019
Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
InfoMobilita del 25/05/2019
\\ Home Page > Magazine > Numero 2 | Aprile 2007
Ferrovie -
Tra i binari di Termini illustrata l'"Operazione Stazioni Pulite"
(IPM) - 26/03/2007 - 

Pulizie radicali nelle stazioni, numero a disposizione dei clienti per segnalazioni e suggerimenti tramite sms, tabelle riassuntive degli interventi di pulizia e identificazione delle ditte responsabili del servizio.
Arriva anche tra i binari di Roma Termini "Obiettivo Stazioni Pulite", l'iniziativa promossa dalla società Ferrovie dello Stato, per una nuova gestione del decoro degli ambienti ferroviarie e della raccolta e smaltimento dei rifiuti presso le principali stazioni italiane.
La giornata del 25 marzo ha rappresentato un vero e proprio "giro di boa" per la pulizia di tutte le stazioni della rete ferroviaria, una giornata simbolica che segna la conclusione della prima fase di interventi di pulizia radicale avviata nei mesi scorsi e l'avvio di nuove iniziative per garantire alti standard di pulizia, che verranno presto, attraverso azioni specifiche, estese anche a bordo dei treni e a tutti gli spazi ferroviari.
Alla presenza dei ministri ai Trasporti e dell'Ambiente, rispettivamente Alessandro Bianchi e Alfonso Pecoraro Scanio, l'amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti, gli assessori capitolini alla Mobilità, Mauro Calamante, e all'Ambiente, Dario Esposito, ed il presidente dell'Ama, Giovanni Hermanin, sono state illustrate le pulizie radicali si sono svolte nelle 400 principali stazioni italiane attraverso le quali transita il 95% dei viaggiatori.
Nella sola stazione di Roma Termini sono stati puliti 230.000 mq grazie all'opera di 141 addetti che hanno lavorato nell'arco delle 24 ore utilizzando 19 macchinari, 12 motospazzatrici e 7 lavasciuga.
In 82 stazioni italiane inoltre sono state attivate iniziative di raccolta e smaltimento differenziato dei rifiuti, attraverso il posizionamento di più di 1100 nuovi contenitori dedicati diversificati per colore, bianco per la carta, celeste per l'alluminio, giallo per la plastica e verde per i rifiuti generici non riciclabili.
La gestione dei rifiuti di stazione, in accordo con i Comuni, rappresenta un significativo contributo per migliorare il bilancio ecologico del Paese. Solo nelle principali stazioni della rete nazionale vengono raccolti ogni giorno circa 21.700 kg di rifiuti.  Grazie all'accordo con l'Ama e il Comune di Roma infatti per mezzo della raccolta differenziata, solamente attraverso l'area di stoccaggio di Termini sarà possibile smaltire oltre 4000 kg di rifiuti al giorno il 70% costituito da carta, il 15% da plastica, il 5% da alluminio ed il 10% da rifiuti generici, già suddivisi per categorie e pronti per il circuito di riciclaggio.
A Roma sono interessate alla raccolta differenziata le stazioni di Termini, Ostiense, Tastevere e San Pietro, mentre nel resto del Lazio il terminal di Fiumicino Aeroporto e le stazioni di Civitavecchia e Latina.
I fattori per il successo dell'iniziativa sono rappresentati da un nuovo processo industriale di gestione dei rapporti con le società fornitrici dei servizi di pulizia, l'informazione e il coinvolgimento di tutti i cittadini. Elemento cruciale: la responsabilizzazione di tutti i lavoratori delle Ferrovie, chiamati in prima persona ad assumere un ruolo attivo nel mantenimento del bene pubblico, rappresentato dagli impianti ferroviari, secondo i principi del Codice Etico del Gruppo.
Nell'operazione di sistemazione delle fontanelle, lavaggio di vetrate e lampadari, pulitura degli spazi comuni da macchie di olio sono stati impegnati circa 1100 addetti.
Fa parte del nuovo processo industriale la possibilità di avere la visibilità del lavoro svolto dalle imprese appaltatoci in stazione: specifiche locandine riporteranno il nome e i riferimenti della ditta e le tabelle riassuntive degli interventi giornalieri di pulizia effettuati. Contemporaneamente le Ferrovie dello Stato aumenteranno i controlli interni sulle attività di pulizia svolte.
Il nome delle ditte appaltatrici per le pulizie viene esposto in apposite bacheche affisse in stazione ed eventuali segnalazioni potranno essere inviate via sms al numero 313 800 8001. Le segnalazioni saranno gestite, attraverso un sistema computerizzato, da un responsabile unico che provvederà ad informare le imprese di pulizia per risolvere il problema segnalato nel più breve tempo possibile.
Ad illustrare le fasi successive del percorso di decoro l'amministratore delegato di Ferrovie, che ha sottolineato come a breve il progetto sarà esteso anche all'interno delle carrozze dei treni. "Entro un mese - ha poi aggiunto Moretti - estenderemo la 'no smoking area' nei fabbricati delle stazioni, sotto i porticati e nelle aree degli esercizi commerciali". Il divieto non interesserà le banchine. Per i trasgressori previste delle multe la cui cifra non e' stata ancora stabilita.
Commentando il progetto di pulizia nelle stazioni Bianchi ha parlato di "una rivoluzione culturale che serviva" e di come sia "cambiata la filosofia delle Ferrovie ed il suo modo di pensare al servizio". Secondo Bianchi, "una stazione ambientalmente sostenibile fa gli interessi dei cittadini, dell'ambiente e della società".
Il ministro ha poi parlato del "piano di finanziamento" di Ferrovie. "Entro 2-3 settimane - ha dichiarato - concluderemo l'esame, poi avvieremo il piano che avrà il giusto sostegno del governo".
Secondo Alfonso Pecoraro Scanio, si tratta di un'operazione "molto importante perchè i cittadini non chiedono solo treni in orario ma anche qualità nei servizi. Allo stesso tempo - ha aggiunto - ai cittadini chiediamo un cambiamento nello stile di vita".
Parlando dei finanziamenti è stato poi sottolineato da tutti i partecipanti l'importanza di come questi debbano essere "destinati sempre più alle ferrovie e soprattutto a quelle più piccole. Il Cipe deve definanziare vecchie opere e riutilizzare i fondi per finanziare opere più utili". Il progetto "Obiettivo stazioni pulite" rientra proprio in un più ampio progetto di un servizio di "pulizie radicali".
Soddisfatto anche lì'assessore Esposito che ha sottolineato come le circa 400 mila persone che quotidianamente attraversano la stazione e che producono 920 Kg di rifiuti al giorno, 4000 Kg se sommati a quelli di uffici ed esercizi commerciali, "dovranno essere coinvolte nel progetto di pulizia, che si muove nella direzione di una città sempre più ambientalmente sostenibile".
"L'obiettivo - ha spiegato Esposito - è quello di raccogliere 3 tonnellate di carta al giorno solo a Termini".
Complessivamente, ha spiegato Hermanin "si arriverà a differenziare circa 4 tonnellate di rifiuti nei vari comparti. È un grande passo avanti soprattutto perchè prima non si faceva".

IPM - IlPendolareMagazine © www.ilpendolare.it



I Vostri Commenti

 
Articoli Correlati

La ferrovia del Bernina, una linea a cavallo delle Alpi 
I treni che hanno fatto la storia della ferrovia del Bernina 




   
Mensile
 
Highlights
 
Sezioni
 
Arretrati
Notiziario
 
InfoMobilità
     



a cura di ilMeteo.it