468x60 Vacanze Ibiza
IlPendolare Magazine | Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
Lunedì 16 settembre 2019
Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
InfoMobilita del 16/09/2019
\\ Home Page > Magazine > Numero 25 | Ottobre 2009
Metropolitana - Piemonte
La talpa Caterina al Lingotto, avanzano i lavori per la linea 1 di Torino
Un treno Val in viaggio lungo la linea 1
(IPM) - 13/10/2009 - 

Mercoledì 23 settembre compiuto l’ultimo passo a Torino per il prolungamento della linea 1 della metropolitana. La talpa “Caterina” ha infatti completato lo scavo e la realizzazione del tunnel che permetterà di collegare Porta Nuova con il Lingotto in 6 minuti.
Ad assistere alla caduta dell’ultimo diaframma erano presenti il Sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino, il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino, l’assessore ai Trasporti del Comune di Torino, Maria Grazia Sestero, il vice presidente della Regione Piemonte, Paolo Peveraro, l’assessore ai Trasporti della Regione Piemonte, Daniele Borioli, il presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta, e i vertici GTT rappresentati da Giancarlo Guiati e Tommaso Panero.
La TBM ha concluso l’ultima tratta di galleria compresa fra la stazione Spezia e Lingotto, scavando e realizzando in circa 2 mesi gli oltre 840 metri di tunnel. In questo ultimo tratto, il più lungo del prolungamento Sud, si è lavorato completamente in falda, ossia sotto acqua, scavando ad una profondità media sotto il livello del suolo di 21 metri e raggiungendo il massimo della profondità in corrispondenza del sottopasso di corso Spezia a -25 metri.
I lavori di scavo con TBM sono stati realizzati da 4 squadre composte da 12 operai specializzati che hanno lavorato 24 ore su 24 per 7 giorni alla settimana.
La TBM (Tunnel Boring Machine), dal peso di 400 tonnellate, lunga 69 metri e con un diametro della testa fresante di 7,75 metri, è arrivata a Torino quasi due anni fa. Assemblata nel mese di marzo 2008 alla stazione Marconi, è partita dalla stessa stazione il 9 di aprile. Il 7 ottobre 2008 ha raggiunto la stazione Nizza, il 12 marzo 2009 è giunta a Dante, il 15 maggio a Carducci, il 6 luglio a Spezia per terminare lo scavo oggi a Lingotto.
Il tratto di galleria tra Porta Nuova e Marconi, lungo 700 metri e già completamente realizzato, è stato invece scavato con la tecnica dello “scavo a foro cieco”, che prevede l’utilizzo di ruspe in sotterranea. Questa tipologia di lavori si è resa necessaria a causa del ridotto raggio di curvatura tra corso Vittorio Emanuele II e via Nizza, che non permette alla talpa di girare agevolmente. In totale sono 3.900 i metri che collegheranno Porta Nuova con Lingotto, passando da Marconi, Nizza, Dante, Carducci e Spezia.
Terminata la realizzazione del tunnel sarà ora possibile cominciare ad attrezzarlo con le vie di corsa e tutti gli apparati necessari per far correre i treni VAL 208. Tale operazione è già attualmente in corso nel tratto compreso fra Porta Nuova e Marconi.
La costruzione del Lotto 2 della Metropolitana Automatica di Torino (Marconi- Lingotto) è realizzata dall’Associazione Temporanea di Imprese (ATI) tra Tecnimont S.p.A. (principale società operativa del Gruppo Maire Tecnimont) e Ghella S.p.A.
Parallelamente proseguono i lavori nelle stazioni e si inizia, laddove possibile, ad effettuare la risistemazione e riqualificazione superficiale di via Nizza e delle strade che in questi mesi sono state interessate dai cantieri.
Nel dettaglio questi gli interventi in corso d’opera.
Nella stazione Marconi prosegue la realizzazione delle banchine.
A Nizza è stato chiuso il solettone di superficie ed ultimata la posa dei binari tramviari. La piazza è quindi pronta per essere riaperta alla circolazione dei veicoli pubblici e privati. Si continua a lavorare nell’interno della stazione, sui locali tecnici e sulle finiture. Le opere al rustico sono infatti tutte completate, compresi gli accessi della stazione.
A Dante ultimato il rivestimento delle pareti, rimangono da completare le scale che collegheranno il piano atrio con il piano mezzanino e della copertura della stazione. Attualmente si sta procedendo alla realizzazione dei locali tecnici. Questo cantiere servirà anche come base per il calaggio del materiale in stazione e nel tunnel fino all’estate del prossimo anno.
A Carducci sono iniziati i lavori per la realizzazione delle banchine e dei locali tecnici.
A Spezia è cominciata la realizzazione delle banchine e il completamento di tutte le attività della struttura al rustico. Si pensa di poter chiudere il solettone di superficie e ripristinare la viabilità superficiale entro la fine dell’anno.
A Lingotto, ultima stazione della tratta ed ultima in corso di interventi, al momento sono terminati i rivestimenti in calcestruzzo.

IPM - IlPendolareMagazine © www.ilpendolare.it



I Vostri Commenti

 
Articoli Correlati

Nessun articolo correlato




   
Mensile
 
Highlights
 
Sezioni
 
Arretrati
Notiziario
 
InfoMobilità
     



a cura di ilMeteo.it