IlPendolare Magazine | Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
Martedì 23 luglio 2019
Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
InfoMobilita del 23/07/2019
\\ Home Page > Magazine > Numero 2 | Aprile 2007
Editoriale -
La primavera del trasporto pubblico capitolino
(IPM) - 26/03/2007 - 

La città eterna ha un bisogno inesauribile di un trasporto pubblico efficente, ma lo stesso è troppo legato ai giochi della politica, a scelte e decisioni che mal coincidono con le reali esigenze del servizio e dell'utenza.
Per anni, il Sindaco della Capitale ha chiesto al governo, in quel periodo del suo opposto colore politico, che gli venissero concessi quei poteri speciali sul traffico di cui già ne usufruivano ad altre città italiane, e che avrebbero permesso di snellire e rafforzare risorse umane, infrastrutturali ed economiche da destinare al settore del Tpl.
Per anni questa richiesta è rimasta inattesa, per anni la Capitale ha dovuto digerire fastidiosi no a richieste di finanziamenti e di collaborazioni. La stessa linea C, punto di forza della futura mobilità romana, è stata più volte rinviata dal Cipe per vizi di forma o mancanza di tempo nell'analisi della richiesta.
Un temporeggiare politico che ha pienamente giocato a svantaggio dell'utenza. Anzi, i cittadini stessi diventavano pedine inermi del delicato scacchiere politico
Con la legge su Roma Capitale il Sindaco ottiene finalmente questi benedetti poteri speciali de traffico. Si vede all'orizzonte profilarsi una benaugurante primavera del trasporto pubblico, il primo cittadino potrà decidere autonomamente investimentie e risorse, essere interlocutore diretto con il governo per lo sviluppo del trasporto capitolino.
L'ottavo Re di Roma, almeno nel campo della mobilità.
Sono passati mesi e questa primavera della mobilità stenta ad arrivare. Anzi, assistiamo ad una sempre più pressante querelle politica tra Comune e Regione su competenze e finanziamenti, un servizio che viene portato avanti unicamente grazie alla grande forza dalla volontà delle aziende e del personale, ma quasi ignorato dai palazzi di potere, interessati a spartirsi e a riassemblare l'eredità di 96 anni di trasporto municipalizzato mortificandone la storia stessa.
Applicando le leggi sulla liberalizzazione del mercato, ma di fatto portando tutto verso un duopolio con un unico attore su Roma, il Comune, ed un unico Regista nel lazio, la Regione.
Il trasporto su ferro e su gomma andranno a gara? Ma chi avrà talmente risorse e capacità da contrastare due giganti del genere? Come sarà mai possibile prevedere un'alternativa, capace di portare il mercato del Tpl sul piano della competitività, della concorrenza e del miglioramento dei servizi?
Se deve esserci un unico interlocutore, che almeno lo stesso sappia operare e intervenire. O più semplicemente lo voglia. La primavera del Tpl deve arrivare, è indispensabile. Deve essere calda e radiosa portando a risultati concreti per un settore, quello della mobilità, indisensabile per una città antica e moderna come Roma
Adesso è veramente obbligo per chi è incaricato di amministrare la cosa pubblica, di proseguire con costanza e serietà nella realizzazione dei progetti più impegnativi, indispensabili per dare una svolta definitiva alla situazione di stallo in cui sta precipitando la mobilità cittadina.
Un sistema a rete concepito con criteri innovativi e moderni che si snoda attraverso punti di forza quali nuove linee tranviarie a servire il centro e la periferia, nuove metropolitane, nuovi filobus per una città ancora più vicina alla necessità dei cittadini e sempre meno ostaggio del traffico e dello smog. Un impegno per non abbandonare le migliaia di persone che ogni giorno si muovono dalla regione e dall'hinterland verso Roma e all'interno della città con la consapevolezza che il mezzo pubblico è l'unica scelta vincente nella lotta all'inquinamento.

IPM - IlPendolareMagazine © www.ilpendolare.it



I Vostri Commenti

 
Articoli Correlati

Nessun articolo correlato




   
Mensile
 
Highlights
 
Sezioni
 
Arretrati
Notiziario
 
InfoMobilità
     



a cura di ilMeteo.it