468x60 Vacanze Ibiza
IlPendolare Magazine | Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
Domenica 8 dicembre 2019
Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
InfoMobilita del 08/12/2019
\\ Home Page > Magazine > Numero 17 | Ottobre 2008
Primo Piano -
Estate di lavori e cantieri senza sosta per la mobilità Romana
(IPM) - 20/10/2008 - 

Una calda estate quella che si è conclusa che ha visto procedere abbastanza speditamente i vari cantieri operativi in più punti della città. A questi si sono aggiunti gli interventi, ancora in corso, per il rifacimento del fondo stradale di due principali arterie romane, via Nazionale, e via dei Fori Imperiali, per le quali, dopo lunghe querelle squisitamente politiche, è stato deciso il mantenimento dei sampietrini tanto cari ai romani, ma poco meno agli automobilisti, agli utenti del trasporto pubblico, ma soprattutto a centauri e scooteristi. Categoria questa che ha ottenuto una vittoria di pirro, con la rimozione dei cordoli dalle corsie preferenziali, sostituiti con le ancor più pericolose borchie, che poco garantiscono la fluidità dei mezzi pubblici. Il programma di sostituzione procede alacremente e prevede il completamento entro maggio 2009.
Torniamo però a parlare dei principali cantieri che tra notevoli disagi stanno cambiando il volto della mobilità capitolina.
Nella zona nord-est della città sono in avanzata fase di lavorazione gli interventi per la realizzazione della diramazione B1 della linea metropolitana.
Presso l’area della stazione Conca d’Oro sono in via di conclusione i consolidamenti “corpo aggiunto” lato Jonio e prosegue la realizzazione dei pilastri e del primo solaio della stazione. Inoltre è stato completato il montaggio della seconda talpa meccanica che scaverà la gallerie da Conca d’Oro in direzione Bologna, mentre la prima, partita già da mesi prosegue la sua attività.
Altri interventi sono in corso presso i cantieri dei pozzi di ventilazione intertratta siti nel parcheggio della stazione RFI Nomentana, in piazza S.Emerenziana e alla stazione Libia/Gondar dove sono state completate le strutture di sostegno.
Nella stazione Annibaliano procede lo scavo sotto copertura del terzo livello della stazione con la contemporanea esecuzione dei solai e delle strutture laterali in cemento armato.
Nell’area interessata ai lavori per il pozzo estrazione TBM piazza Bologna sono concluse le attività propedeutiche di eliminazione delle interferenze con spostamento dei sottoservizi Italgas e Telecom e l’area è stata consegnata all’impresa appaltatrice, mentre sono in corso ulteriori indagini archeologiche prescritte dalla Soprintendenza.
Ma l’opera che catalizza maggiormente l’attenzione degli addetti ai lavori e degli utenti è senza dubbio la linea C. Relativamente alla costruzione delle opere civili della terza linea di metropolitana, presso S. Giovanni è in fase di completamento l’intervento di perimetrazione con micropali dell’area su via La Spezia e sono state completate le perforazioni a carotaggio continuo per verificare lo stato e la geometria delle fondazioni dei palazzi contigui e delle preesistenze sotterranee tra le quali i tunnel della linea A.
Nell’area della stazione Lodi è stato portato a termine lo spostamento dei sottoservizi nella nuova galleria dei pubblici servizi ubicata lungo il lato sud di via La Spezia, mentre, relativamente alle opere di stazione, per la prima fase, sono state completate le attività di realizzazione dei diaframmi perimetrali ed è inoltre iniziato lo scavo di sbancamento per la realizzazione del solettone di copertura.
Su via Casilina Vecchia, dove verrà realizzato un pozzo di ventilazione di metà tratta, sono in corso i necessari accertamenti con un’ulteriore campagna di scavi archeologici. A Pigneto continuano le attività di realizzazione dei diaframmi della stazione. E’ stata inoltre modificata l’area oggetto della cantierizzazione con la temporanea chiusura di via del Pigneto.
In piazza Malatesta sono stati portati a termine gli interventi per la realizzazione dei diaframmi della stazione mentre è stato realizzato il solettone di copertura della discenderia ubicata sul lato nord della piazza.
A via Portici, nell’area che ospita il secondo pozzo di entrata delle “talpe meccaniche” è stata ultimata la realizzazione del solettone superiore del manufatto, sono state completate le operazioni di scavo e sono in corso le attività per la realizzazione dei consolidamenti delle Pozzo. E’ stata intanto già collaudata a Bassano del Grappa la terza talpa “Diana” che verrà qui montata nel prossimo mese di novembre per avviare, nei primi mesi del nuovo anno, lo scavo per la costruzione della galleria della nuova Linea C in direzione Centocelle.
A Teano proseguono le attività di realizzazione dei diaframmi e le sperimentazioni della tecnologia jet-grouting per la realizzazione dei due rami per il manufatto di diramazione per la progettata linea C1.
Nell’area della stazione Gardenie sono stati completati tutti i diaframmi perimetrali della stazione, mentre nell’area della discenderia di viale della Primavera sono stati completati i pali e la trave di testata e la cameretta di sostegno per lo spostamento del collettore fognario.
In piazza dei Mirti sono ultimati i diaframmi perimetrali e centrali del corpo stazione e l’area è in fase di nuova cantierizzazione per l’avvio delle lavorazioni di carpenteria necessarie all’esecuzione del solettone di copertura, mentre sono in corso di realizzazione i pozzi del sistema di depressione della falda e i primi scavi.
A piazza San Felice da Cantalice sono stati eseguiti i necessari accertamenti archeologici e sono in corso le attività di realizzazione dei diaframmi del pozzo di metà tratta.
Nell’area della futura stazione di Parco di Centocelle sono in corso le operazioni di esecuzione dei diaframmi, nonché le attività di trattamento dei terreni per la realizzazione delle strutture di fondo e di testata.
Ad Alessandrino sono pressoché terminate le attività di spostamento dei pubblici servizi, sono state eseguite le strutture principali a sostegno dei diaframmi di stazione e sono in corso di realizzazione i micropali valvolati a protezione della ferrovia Roma-Pantano, mentre a via A. Marini sono quasi terminate le attività di spostamento dei pubblici servizi ed è stata realizzata gran parte dei pannelli per il sostegno dei futuri scavi.
A Torre Spaccata sono state completate le attività di cantierizzazione e sono in corso quelle di preparazione all’esecuzione dei diaframmi, mentre sono stati eseguiti diversi pali dell’atrio stazione ed è terminato l’intervento di presidio sul fabbricato adiacente.
A Figlioli/GRA sono in corso i consolidamenti con jet grouting, ed avviate le lavorazioni di realizzazione dei diaframmi di stazione.
Presso il cantiere di Giardinetti è partita anche la seconda “talpa meccanica”, che ha scavato oltre 10 m, mentre la prima macchina, avviata nel mese di luglio ha già percorso in direzione Giglioli oltre a 550 metri.
Nella tratta Giardinetti-Pantano sono in corso i lavori di smontaggio lungo la linea e nelle stazioni preesistenti, in particolare Torrenova, Fontana Candida e MonteCompatri/Pantano, per i necessari adeguamenti alla tecnologia di sistema driverless della Linea C. E stata inoltre cantierizzata l’area del sottopasso di Torrenova/via Laerte. Lungo la via Casilina sono in corso interventi migliorativi per la nuova viabilità.
Inizia a prendere forma infine il nuovo deposito di Graniti dove è stato eseguito lo scavo di fondazione dell’area dell’Officina Manutenzione Preventiva (DMP) e dell’edificio Dirigenza/Centrale Operativa (DCO).
Riassumendo attualmente sono aperti 26 cantieri sul percorso tra San Giovanni e MonteCompatri/Pantano, di cui 10 fra quest’ultima stazione e Giardinetti. L’entrata in esercizio della prima tratta della Linea C da Monte Compatri/Pantano a Centocelle è prevista entro la fine del 2011, il prolungamento a Lodi nel secondo semestre 2012, mentre la messa in esercizio dell’intero tracciato da Clodio/Mazzini a MonteCompatri/Pantano è prevista entro il 2015.
Rimanendo in tema di metropolitane, importanti novità anche per il nodo di Termini, dove con la firma del contratto con l’impresa appaltatrice avvenuto il 16 settembre, prende il via la fase operativa del progetto di adeguamento strutturale e tecnologico.
Attualmente il nodo si sviluppa su quattro distinti livelli interrati ed è costantemente congestionato non soltanto per gli scambi tra le linee metro A e B ma anche per l’utenza da e per le linee della principale stazione ferroviaria della città, passando attraverso le aree commerciali del Forum Termini, nonché per l’utenza che scambia coi mezzi pubblici di superficie, per i quali piazza dei Cinquecento rappresenta il punto nevralgico dell’intera rete cittadina.
Il progetto prevede la realizzazione di nuovi percorsi, destinati principalmente a potenziare e migliorare i flussi pedonali interni e quindi la sicurezza in caso di evacuazione e un’opera di ammodernamento e riqualificazione dei manufatti esistenti con particolare riguardo all’immagine architettonica e alle dotazioni impiantistiche.
L’intervento comprende inoltre la sistemazione superficiale di piazza dei Cinquecento, limitatamente a opere di pavimentazione ed arredo, e la messa in sicurezza della rete di cavità presenti nel sottosuolo lungo via Giolitti, nell’area antistante il fabbricato compreso tra via Cavour e via D’Azeglio.
Tra gli interventi previsti, la realizzazione un nuovo pozzo, cunicolo e discenderia alla linea A con il conseguente raddoppio dei percorsi in uscita dalla banchina A, l’adeguamento alle prescrizioni di normativa nei confronti del rischio incendi, il superamento delle barriere architettoniche e miglioramento delle caratteristiche di accessibilità al servizio, con particolare riguardo agli utenti a ridotta capacità motoria e visiva con il raddoppio degli ascensori esistenti e la meccanizzazione di tutte le rampe di collegamento interpiano. Si prevede l’ultimazione dei lavori per la fine del 2011.

Il prossimo mese analizzeremo anche gli interventi lungo la rete tranviari, dove il nuovo capolinea di Termini ne ricopre il ruolo di protagonista, e dei corridoi della mobilità.
 

IPM - IlPendolareMagazine © www.ilpendolare.it



I Vostri Commenti

 
Articoli Correlati

Riapre Manzoni. Intervista con Roberto Cavalieri, amministratore delegato di Metropolitana di Roma. 
I cento anni del Trenino Rosso del Bernina, eventi e manifestazioni per ogni stagione 




   
Mensile
 
Highlights
 
Sezioni
 
Arretrati
Notiziario
 
InfoMobilità
     



a cura di ilMeteo.it