IlPendolare Magazine | Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
Giovedì 23 maggio 2019
Notizie dal mondo della mobilità e del trasporto pubblico
InfoMobilita del 23/05/2019
\\ Home Page > Magazine > Numero 6 | Agosto/Settembre 2007
Approfondimenti e Tecnica -
Curiosità dalla rete... di trasporto pubblico
(IPM) - 31/07/2007 - 

Quale è la linea più lunga di Roma? E quella più corta? Quale effettua più fermate?Se almeno una volta nella vostra vita, magari mentre aspettate il bus, vi siete posti questa ed altre (amletiche) domande,questo è l’articolo che fa per voi,dove vi faremo conoscere tutte (o quasi) le curiosità della rete di trasporto pubblico romano, giocando anche un poco con i numeri. Ovvero,parafrasando il titolo di un famoso film di Woody Allen “Tutto quello che avreste voluto sapere sulla rete di trasporto pubblico romana ma non avete mai osato chiedere…”
Ma prima di passare ai numeri facciamo un breve passo indietro ripercorrendo brevemente la storia del trasporto pubblico a Roma. La prima linea di trasporto pubblico a Roma, effettuata mediante omnibus a cavalli, risale al giugno del 1845 per iniziativa di imprenditori privati. Collegava Piazza Venezia con la lontana Basilica di San Paolo fuori le mura. Il sistema di trasporto non differiva molto da quello in uso per le diligenze, trattandosi di carrozze, trainate da uno o più cavalli, entro le quali erano allineate delle panche. Il 2 agosto 1877 era stata inaugurata la prima tramvia urbana a trazione animale su rotaia: il “Tram a cavalli” che conduceva da Porta del Popolo a Ponte Milvio percorrendo Via Flaminia ,itinerario che, il 6 Luglio 1890, vedrà il debutto del primo tram elettrico in Italia. Si trattava di un sistema, brevettato dal capitano Michelangelo Cattori, che prevedeva un sistema di alimentazione elettrica a linea aerea e alimentazione in serie delle motrici. Il sistema non diede i risultati sperati e fino al 1895 Roma non vedrà più tram elettrici, quando verrà inaugurata una linea tranviaria, con alimentazione in parallelo a tensione continua di 550 Volt e vetture munite di presa di corrente con trolley a rotella,sul percorso Piazza San Silvestro - Stazione Termini. I primi autobus in servizio pubblico fanno il loro debutto a Roma nel 1905 e nel 1909 l'Amministrazione Comunale guidata da Ernesto Nathan istituisce un’azienda municipale autonoma per al gestione del trasporto pubblico: nasce così l’A.A.T.M. A seguito dell'istituzione del Governatorato di Roma, il 1° giugno 1927 l'A.A.T.M. divenne A.T.G. (Azienda Tramvie del Governatorato) e successivamente ATAG , Azienda Tramvie ed Autobus del Governatorato. L'8 gennaio 1937, sulle linee 137 e 138, che collegavano Via Maria Luisa di Savoia rispettivamente con Ponte Milvio e Viale Pinturicchio fa il suo debutto sulle strade romane il filobus. Passata la bufera delle distruzioni causate dalla seconda guerra mondiale, l’azienda cambia nome in Azienda Tramviaria Autofiloviaria Comunale e in seguito Azienda delle Tramvie ed Autobus del Comune di Roma (A.T.A.C.). e si appresta ad affrontare il gravoso compito di gestire il trasporto in una città di anno in anno sempre più in rapida espansione. Nel 1992, con la riforma delle autonomie locali l’Atac modifica il proprio assetto istituzionale, trasformandosi da Azienda municipalizzata in Azienda speciale, dotata di personalità giuridica, di autonomia imprenditoriale e di un proprio statuto. Il 18 dicembre 2000 nasce Atac S.p.A. (Agenzia per i Trasporti Autoferrotranviari del Comune di Roma), una società per azioni con capitale sociale conferito dal Comune di Roma, socio fondatore, e garantito da un patrimonio costituito da mezzi e infrastrutture. Contemporaneamente nasce Trambus S.p.A., società di gestione dei servizi di trasporto pubblico di superficie. La missione di Atac S.p.A. è di assicurare a Roma un sistema di mobilità che garantisca a tutti i cittadini il diritto agli spostamenti, con attività di pianificazione, regolazione, controllo, promozione e commercializzazione del sistema di trasporto collettivo erogato dalle Società operatici: Met.Ro. S.p.A. Trambus S.p.A. ed altri operatori privati (SITA). Dal 12 dicembre 2005 Atac, a seguito dell'incorporazione di Sta Spa, è divenuta l'Agenzia per la Mobilità del Comune di Roma con il compito di pianificare, gestire, sviluppare, coordinare ed attuare la mobilità pubblica e privata del Comune e di garantire alla Città i necessari servizi operativi in materia di trasporto. La rete attuale del trasporto pubblico di superficie a Roma, si estende per 2.256 Km di cui 2.220 Km di linee autobus, (354 linee gestite da Trambus e 90 esternalizzate gestite da Tevere TPL), 39 Km di linee tranviarie (6 linee) e 17 Km di linea filoviaria (1 linea) .
Partiamo ora alla scoperta delle curiosità della rete romana:

Le linee più lunghe
Il primato di linea con il percorso più lungo di tutta la rete romana spetta al C4: l’ex 079, che collega la Stazione Lido Centro con il Cimitero Flaminio ha un percorso lungo circa 54 Km, seguita dalla linea C5 che con i suoi 32 Km di lunghezza collega P.za delle Camelie, nel quartiere di Centocelle con il Cimitero Flaminio e la Stazione Montebello della Ferrovia Roma - Civitacastellana - Viterbo. Entrambe le linee però prestano servizio nei soli giorni di sabato e festivi, la prima con 4 corse, la seconda con 8 corse Nelle linee ordinarie diurne il primato di linea più lunga è conquistato invece dalla linea 044 che con i suoi 26 Km di lunghezza collega la Stazione Metro B di Laurentina con Via Ardeatina, nella zona di S. Palomba. La linea ha una frequenza di circa 30 minuti,che salgono a 55 nei giorni festivi ed è in servizio dalle ore 05.10 alle 22 (prima ed ultima partenza da Laurentina) e dalle 06.00 alle 22.55 (prima ed ultima partenza da Via Ardeatina).

Le linee più corte
Nella classifica delle linea con il percorso più corto della rete romana il primato, probabilmente imbattibile, spetta allo 09 (L.go Castel Bolognese – Via Minerbio) che con i suoi 1276 metri di lunghezza è a servizio del quartiere di Vitinia.Il breve percorso permette di avere una frequenza di circa 15 minuti con un servizio tra le ore 6 e le ore 23. A breve distanza è seguita dalla linea Tranviaria 2 (P.le Flaminio – P.za Mancini) con 2,8 Km di lunghezza media. Pensata come una metropolitana leggera ha la caratteristica di avere il percorso interamente in sede protetta e rappresenta un valido e rapido collegamento tra la metropolitana e la zona dello Stadio Olimpico, passando per il quartiere Flaminio ed ha una frequenza media di circa 5 minuti. Terza classificata la linea 661,circolare nella zona di Arco di Travertino con partenza da Via Collepardo, con una lunghezza di 3212 metri ed una frequenza di 20 minuti con partenze dalle 7 alle 22 nei soli giorni feriali. L’utenza prettamente locale della linea permette di usare una sola vettura, un Fiat Ducato da 8 posti.

Le linee con più fermate
Sebbene la linea C4 con i suoi 54 Km di lunghezza sia la linea più lunga di tutta la rete non detiene il primato di linea con più fermate, effettuandone solamente 47 nel percorso di andata e 35 nel percorso di ritorno. Il primato, in questa speciale classica, spetta alla linea notturna 40N (Viale Europa – P.le Recanati) che collega l’EUR con il quartiere di San Basilio seguendo gran parte del percorso della linea B della metropolitana,con ben 71 fermate nel suo tragitto ed una frequenza di 15 minuti. Nelle linee diurne ordinarie, invece, il primo posto spetta alla linea 904 (C.ne Cornelia – L.go Ines Badeschi) che effettua 38 fermate nel percorso di andata e 45 nel percorso di ritorno.

La linea con meno fermate
In questo caso il primato spetta alla linea 020 (Stazione Prima Porta – Via Toffia – Stazione Prima Porta) con 8 fermate in totale, a pari merito con la linea 661 anche essa circolare con 8 fermate in totale. Distaccate,ma di poco, il 330 (circolare di colelgamento per il carcere di Rebibbia dalla Stazione Metro Rebibbia) con 7 fermate, lo 09 con 6 fermate nel percorso di andata e 6 in quello di ritorno il 188 (L.go Diaz – Via Nemea) con 7+7 ed il tram 2 con 8 + 8 .

Linea con più vetture
Il primato di linea con più vetture in servizio spetta al 105 (Stazione Termini – Grotte Celoni) con ben 34 vetture in servizio. Creato nel 1988, con un percorso di 14 Km, il 105 ha sostituito e razionalizzato la rete di trasporto sulla direttrice Casilina sostituendo le pre-esistenti 6 linee che l’ATAC aveva ereditato dalla STEFER.

Linea con meno vetture
Impossibile stabilire una classifica in quanto, per esigenze varie di servizio, sono numerose le linee che vedono impiegata una sola vettura in servizio. Tra di esse, ovviamente, ci sono anche lo 09 ed il 661.

Linea con più corse
Primatista della linea con più corse, e quindi anche più frequente, è il tram 8, che collega L.go di Tore Argentina al Casaletto, con le sue 240 corse nell’arco della giornata per senso di marcia che assicurano una frequenza di 5 minuti, come per la linea 105 che vede però “solamente” 229 corse giornaliere per senso di marcia . Terza classificata la linea 125 (Via delle Mura Portuensi, circolare del Rione Trastevere), esercitata con minibus elettrici, con 123 corse.

Linea con meno corse
Primato inverso per le linee 168 che collega il Ministero degli Esteri rispettivamente con la Stazione Tiburtina: oltre ad avere solamente due corse di andata ed una sola di ritorno, tale linee è in servizio solo in determinati orari. La mattina svolge servizio solamente in direzione Ministero degli Esteri, mentre nel primo pomeriggio effettua servizio in direzione opposta,così come la linea 186, che collega San Giovanni con il Ministero degli Esteri effettuando però 4 coppie di corse.

Linee…fuori dal Comune
Contrariamente a quanto si possa credere la rete di trasporto pubblico romana non è circoscritta ai confini comunale,ma esistono anche delle linee che si spingono nel territorio dei comuni limitrofi. Esse sono 025 (L.go Mombasiglio – L.go Carlo Formichi) che termina la sua corsa in località Tragliata, nel Comune di Fiumicino; 041 (Stazione Metro B Ponte Mammolo – L.go Alba Adriatica)che effettua fermate nel comune di Setteville di Guidonia; 044 (Stazione Metro B Laurentina – Via Ardeatina altezza Via di Valle Caia) , che effettua fermate nel Comune di Pomezia; 061 (Stazione Lido Centro – Via Po) che termina la sua corsa a Torvaianica, nel Comune di Pomezia;07 (P.le Amerigo Vespucci – Via Litoranea Km 10+030) che transita per Torvaianica, nel comune di Pomezia come le corse estive prolungate della linea 070; 035 (P.za Saxa Rubra – Borgo Pineto),il cui capolinea è situato nel territorio del Comune di Sacrofano;337 (L.go Pugliese – Tor Lupara)la cui parte finale del percorso attraversa due comuni: prima la parte di Tor Lupara situata nel Comune di Guidonia Montecelio ed infine sempre la località di Tor Lupara ma nel Comune di Mentana, dove effettua capolinea . Ultima, ma solo in ordine di numero, è la linea 551 (Stazione Metro Anagnina – Via delle Vigne di Morena)che transita nel Comune di Ciampino.

Le linee più “anziane”
Tra le linee in servizio da più tempo troviamo il 16 (Via XX Settembre – Via G. Costamagna). Istituita nel 1932 come linea tranviaria sul percorso Via XX Settembre (Ministero delle Finanze) – Via Taranto (angolo Via Pescara) ha visto negli anni il suo capolinea spostarsi in Piazza Ragusa. Trasformata in linea autobus nel 1965, il suo capolinea è stato spostato prima in P.za Montecastrilli, e,successivamente, in Via G. Costamagna,per meglio servire gli abitanti della zona di Via Nocera Umbra. C’è da evidenziare però che il percorso attuale del 16 bus è leggermente diverso del percorso del 16 tranviario in quanto il tram percorreva via Domenico Fontana ed il bus percorre piazza San Giovanni in Laterano. Il tram imboccava via dell'Esquilino mentre il bus via Gioberti. Linea abbastanza frequente, con passaggi ogni 15 minuti, ha avuto il primato, per la sua non eccessiva utenza, di essere servita per anni dal materiale più vecchio del parco ATAC. Su questa linea han chiuso la loro carriera i Fiat 418 della Rimessa Tuscolana,e, in anni più recenti, non era difficile imbattersi nei Menarini 201 LU della Rimessa Tor Sapienza,mentre attualmente sulla linea prestano servizio i BredaMenariniBus 221/LU.

Le linee “elettriche”
Per l’esercizio di alcune linee transitanti nel centro storico ATAC ha acquistato dei Minibus Elettrici (ad accumulatori) modello Tecnobus Gulliver U 500 ed U 520 per un totale di 53 vetture. Essi fanno servizio sulle seguenti linee: 116 (Porta Pinciana – Terminale Granicolo) ,116T (linea serale per i teatri da Porta Pinciana al Terminal Granicolo) ,117 (Via del Corso altezza P.za del Popolo – P.za San Giovanni in Laterano);119 (Via del Corso – Piazza Venezia) , 125(Via delle Mura Portuensi, circolare del Rione Trstevere). Tra le linee elettriche va ricordato anche il 90 Express (Stazione Termini – L.go Labia) dove prestano servizio filobus da 18 metri modello Solaris Ganz Trollino, vetture che nelt ratto Porta Pia – Stazione Termini viaggiano in marcia autonoma alimentate da batterie. ATAC ha inoltre sperimentato degli autobus “ibridi” diesel con motore elettrico. Si tratta degli Iveco 490.12.EYY "Altrobus" (4051 – 4062) che assegnati alla rimessa Tuscolana sono attualmente impiegati la mattina sulla linea 628 (Via Cesare Baronio – P.le Maresciallo Giardino).

Le linee con vetture da 18 metri
Su alcune linee ad alta frequentazione fanno servizio vetture da 18 metri modello BredaMenariniBus 321 U (Matricola 101 – 340) :30 Express (Stazione Metro Laurentina – P.le Clodio) ,40 Express (Stazione Termini – Piazza Pia) ,60 Express (P.le dei Partigiani – L.go S. Pugliese),80 Express (P.za O. Vimercati – P.za San Silvestro) ,105 (Stazione Termini – Grotte Celoni) ,170 (Stazione Termini – P.le dell’Agricoltura) ,451 (P.za di Cinecittà – Stazione Metro B Ponte Mammolo) ,705 (V.le America – Via G. Piermarini) ,714 (Stazione Termini – P.le P.L. Nervi) ,791 (P.le P.L. Nervi – C.ne Cornelia) ,07 (P.le Amerigo Vespucci – Via Litoranea Km 10+030,linea solo periodo estivo). Sulla linea filoviaria 90 (Stazione Termini – L.go Labia) prestano servizio filobus da 18 metri modello Solaris Ganz Trollino.

Linee esercitate con Minibus M1
A causa delle strade percorse o più semplicemente per l’utenza prettamente limitata, alcune linee sono esercitate con vetture tipo M1, ovvero vetture con capienza massima di 8 passeggeri più il Conducente. Nel parco vetture Trambus i veicoli che rispondono a queste caratterische sono i Fiat Ducato/Ducato Daily/Ducato TH ed i Mercedes 314 CDI Sprinter TH, di cui,a cura di Trambus Electric, è stata realizzata anche una versione ad accumulatori denominata ZEV (Zero Emission Veichle) . Le linee dove è possibile trovare questi minibus sono: 020 (circolare Stazione Prima Porta – Via Toffia – Stazione Prima Porta) , 121 “nottambula (P.le Partigiani – Via delle Mura Portuensi) in servizio dalle 21 alle 03; 122 “nottambula” (Via del Circo Massimo – Via dei Genovesi) in servizio dalle 21 alle 03; 140 (Via XX Settembre – Batteria Nomentana), 188 (L.go Diaz – Via Nemea) , 330 (circolare di collegamento per il carcere di Rebibbia dalla Stazione Metro Rebibbia) , 442 (Via del Badile / Metro S. Maria del Soccorso – Via di Tor Cervara) , 661 (Via Collepardo – Via Demetriade – Via Collepardo).

La linea con il record di modifica di percorso
Nel 1998, a seguito dell’istituzione della linea tranviaria 8 la linea di autobus 780 (Via della Magliana – P.za di Monte Savello) venne deviata e prolungata sul nuovo itinerario P.za F. Biondo (Stazione Trastevere – P.le P.L. Nervi) a partire dal 23 Marzo. Dopo neanche 3 giorni il capolinea viene spostato dalla Stazione Trastevere a P.za Venezia, dove è attualmente. Tre modifiche di percorso in tre giorni:un vero primato. Vita effimera invece per due linee: il 18 aprile 1982 sul percorso L.go Irpinia – Cimitero Flaminio (Prima Porta) venne istituita una linea a cui venne assegnato il numero 507: dopo neanche un anno, a causa della scarsa utenze, venne soppressa. Attualmente il numero 507 è assegnato ad una linea che dalla Stazione Metro di Anagnina arriva a Grotte Celoni. La linea “F” invece,ha collegato la stazione di Ponte Galeria con la nuova fiera di Roma ed è stata soppressa non appena è stata attivata la stazione Fiera di Roma sulla linea FR1 il 10 dicembbre 2006.

Le linee Scolastiche
Oltre ad un servizio di scuolabus dedicato esistono diverse linee ordinarie che nel periodo scolastico, in determinati orari, effettuano corse deviate e/o prolungate per gli istituti scolastici. Queste linee sono: 23 (P.le Clodio – L.go San Leonardo Murialdo) con corse deviate per Via della Vasca Navale, 112 (L.go Preneste – Via Longoni) con corse deviate all’Istituto Bottardi in Via F. Petiti, 114 (circolare Viale Alessandrino) con corse deviate all’ITIS G. Giorgi di Via Togliatti;309 (V.le XXI Aprile – P.za S. Maria del Soccorso) con corse deviate da Via Lorenzo il Magnifico per la scuola “Centro Elis” 311 (Stazione Metro Rebibbia – P.za Sempione) con corse limitate in Via Michelangelo Tilli;343 (Stazione Metro B Ponte Mammolo – L.go Valtournanche) con corse limitate in Via T. Buazzelli nel quartiere di S. Basilio, 404 (Stazione Metro B Ponte Mammolo – Via S. Giovanni in Argentella) con corse scolastiche deviate in Via Pollena ed in Via Rivisondoli, 441 (P.za F. Sacco – Via Casale Rocchi) con corse deviate per la scuola P. Villari di Via R. Fagiani, 444 (Stazione Metro B Ponte Mammolo – Via F. P. Bonifacio) con corse scolastiche deviate in Via Rivisondoli, 501 (L.go Preneste – Via di Rocca Cencia) con corse deviate e prolungate per l’Istituto Agrario in Via Prenestina Km 14, 702 (Stazione Metro Laurentina – Via di Torre S. Anastasia) che nel periodo scolastico ha delle corse deviate in Via Morandini ed altre limitate in Via di Fioranello, 708 (P.le Agricoltura – Via I. Versari) che nei giorni di scuola effettua corse prolungate in V.le Caduti Guerra di Liberazione,il 709 (Stazione Eur Fermi – Via Timocle) con alcune corse da Via Timocle direzione Roma deviate in Via Massimiliano Massimo,767 (P.le dell’Agricoltura – Viale Londra) con corse deviate in Via M. massimo, 786 (Stazione Trastevere – L.go C. Reduzzi) con corse scolastiche deviate e prolungate da Via di Casetta Mattei a Via dei Capasso, 808 (Via A. G. Eiffel – Via dei Capasso) con corse deviate in Via Silvestri, 904 (C.ne Cornelia – L.go Ines Badeschi) con corse deviate nel quartiere Casalotti,916 (Via di S. Marco – Via Andersen) con corse scolastiche da L.go Mombasiglio a Via G. Barellai, altezza Liceo ScientificoLouis Pasteur, 995 (circolare Ospedale S. Filippo Neri – Metro Battistini – Ospedale S. Filippo Neri) con corse scolastiche deviate all’ITIS Einstein, 998 (Via M. Battisttini – Via della Riserva Grande) con corse scolastiche limitate alla Stazione Monte Mario, 01 (P.le Stazione Lido Centro – P.za L. Gasparri) deviato e prolungato per L.go delle Marianne,04 (P.le Stazione del Lido – L.go Villani) deviato per Via di Saponara, 031 (Via R. Bassano – Via Soncino) con corse deviate in P.za Ormea, 051 (Via delle Cerquete – Grotte Celoni) con corse limitate in Via Don Primo Mazzolari, , 057 (Via Siculiana – Grotte Celoni) con corse deviate e limitate in Via S. Biagio Platani, nel quartiere di Tor Bellamonaca, 058 (Rimessa ATAC Collatina – Via M. Raimondi) con corse deviate all’Istituto Bottardi in Via F. Petiti 064 (Via Timocle – Stazione Lido centro) deviato a Casal Palocco, 065 (Via E. Wolf Ferrari – Via F. Altamura) deviato in Via Talete a Casal Palocco, 078 (P.le F. Tarantelli – Via Caduti per la Guerra di Liberazione) con corse deviate a Mostacciano per le scuole, 088 (Nodo Casaletto – Via I. della Giovanna) con corse deviate all’interno del Consorzio Diamante nella zona di Casal Lumbroso. Oltre a queste sono esistite delle linee ordinarie dedicate alle scuole:soppresse la linea 58/ (Via Amatrice – P.za San Silvestro) , il 317 (P.za Sempione – Stazione Termini) il 331 (Via di Villa Chigi – V.le Jonio) ed il tram 517 (ex 12/ Via Farini – Via Prenestina altezza Via Tor dè Schiavi) resta solo lo 010 (Stazione Lido Centro – C.so Duca di Genova)come unica linea scolastica ordinaria. Questa linea,presente sin dagli anni ’70 ad Ostia è stata sempre avvolta “nel mistero” in quanto nelle paline di fermata il percorso veniva semplicemente indicato con la scritta “Giro delle Scuole del Lido” . Senza dimenticare che per le sue particolari caratteristiche,l’utenza relativamente bassa ed il percorso lungo e tortuoso, la linea per diversi anni è esistita solo sulla carta non venendo di fatto esercitata. Dal 16/09/2002 la linea è stata esternalizzata ed è passata in gestione SITA/Tevere TPL e vede spesso in servizio un Autodromo Alè, insolita presenza sulle strade di Ostia.

Linea con più deviazioni
Capita spesso che alcune linee abbiano in orario alcune corse deviate e limitate. Tra tutte spiccano due linee che in orario han in assoluto più corse deviate,limitate e/o prolungate. Il 702 (Stazione Metro Laurentina – Via di Torre S. Anastasia) oltre alle 45 coppie di corse ordinarie ha 8 coppie di corse deviate e limitate in Via di Fioranello altezza Via Appia Nuova/Aeroporto di Ciampino e, nel periodo scolastico delle corse deviate in Via Morandini e limitate in Via di Fioranello .La linea 709 (P.za Stazione Eur Fermi – V.le Timocle)che collega la stazione Metro B di Eur Fermi con Casal Balocco ha invece 2 coppie di corse (partenza da Eur Fermi ore 06.45 e 16.00) deviate e prolungate all’Infernetto ed alla Tenuta Presidenziale di Castel Porziano (capolinea nel P.le detto “della dispensa, partenze ore 08.00 e 17.00). Queste corse hanno la particolarità che nell’ultimo tratto all’interno della Tenuta Presidenziale di Castel Porziano possono restare a bordo del bus solo le persone autorizzate, oltre all’autista. Sempre il 709 ha 7 coppie di corse prolungate all’Infernetto con capolinea in Via Wolf Ferrari ed alcune corse scolastiche che in direzione Roma sono deviate e prolungate alle scuole di Via Massimiliano Massimo, nel quartiere EUR.

Linee più esterne
Le linee con i capolinea più esterni, ovvero più lontani dal centro sono lo 020 (circolare Stazione Prima Porta – Via Toffia – Stazione Prima Porta) istituita nel 2005 per collegare la località “Borgo S.Isidoro” situato lungo la Via Tiberina nel territorio del XX° Municipio alla ferrrovia Roma Nord e la linea 042 (Via G. L. Gallesi – Stazione Metro B Ponte Mammolo) che collega il quartiere di Lunghezza alla Metro B.

Linee Turistiche
Sin dagli anni ’90 ATAC ha sperimentato un servizio turistico dove a bordo dei bus era possibile visitare i luoghi più importanti di Roma. Tale linea, denominata 110 con partenza dalla stazione Termini, ha visto inizialmente in servizio i Fiat 306/3 Macchi, ex Roma – Tivoli, bus extraurbani sicuramente poco adatti ed allettanti per i turisti. A partire dalla fine degli anni ’90 la linea ha avuto un grandissimo successo con l’introduzione dei primi bus Gran Turismo. Attualmente la linea è gestita da Trambus Open e vi prestano servizio bus scoperti a 2 piani Irisbus 491.10.29 CityClass UNVI OpenTop ed Volvo B7TL Ayats Bravocity, con una frequenza di circa 10 minuti. Sia ccede al servizio acquistando un biglietto da 16 € valido l’intera giornata per un numero di corse illimitate. Dal successo del 100 Open è nato l’archeobus (Stazione Termini – Parco degli Acquedotti) sempre gestito da Trambus Open con vetture scoperte (Dallavia Tintoretto Topless) ed i servizi “Roma Cristiana” gestiti in collaborazione con L’Opera Romana Pellegrinaggi.

I gruppi di bus più numerosi
Radiati da tempo sia i Fiat 410 che i Fiat 418, un tempo padroni assoluti delle strade romane, ed in via di radiazione i Fiat 471 e gli Iveco 480, il gruppo più consistente di autobus del parco Trambus è quello degli Iveco 491, sia nella versione Cityclasse che Cityclass Cursor:950 vetture divise in vari gruppi di matricole (3601 – 3720 Iveco 491.12.22 Cityclass; 3721 – 3954 Iveco 491 E.12.29 Cityclass Cursor; 5001 – 5500 5001 – 5500; 5900 – 6000 Iveco 491.12.29 Cityclass Cursor).

I gruppi di bus meno numerosi
La palma di gruppo meno numeroso in servizio spetta ai Mercedes AG MB 414/New Car, un gruppo di 6 minibus suburbani alimentati a Metano (realizzato dai rifiuti di Malagrotta) che prestano servizio su 3 linee: 34 (P.za Cavour – Via Monte del Gallo) ; 087 (Via Stazione Aurelia – Via Paolo Pericoli) e 089 (Via del Casale Lumbroso – Via Portuense altezza ex Dazio). Altri gruppi poco numerosi di vetture come i CAM Autodromo SITcar (1803 – 1810) , gli Iveco A59E12/Cacciamali Thesi (1815 – 1820) , Neoplan N.122 (1840 – 1841) il Daf SB 400 Dallavia/Palladio (1851) gli Iveco 380.12.38 /Orlandi Euroclass HD (1863 – 1869) non sono regolarmente impiegati in servizi di linea. In passato c’è stato anche un gruppo composto da una sola vettura:si trattava di un Iveco 315.8.17 Menarini C17 ex CoTraL che per alcuni anni ha prestato servizio in ATAC (vettura 1818) per poi, nel 1999, essere restituito al CoTraL.

Altre curiosità
* La linea 34 (P.za Cavour – Via Monte del Gallo) raggiunge una piccola strada che tortuosamente si arrampica con curve e tornanti sul Monte del Gallo, una collina a ridosso del Gianicolo dove sorge l’omonimo storico quartiere nato ai primi del '900 sulla scia dello sviluppo della produzione fornaciara. La strada, larga appena 6 metri, non permette la manovra dei bus, che infatti devono girare per l’ancora più stretta Salita Monte del Gallo per poter invertire la marcia. Per poter dotare la zona di un collegamento ATAC ha sempre utilizzato su queste linea vetture di piccole dimensioni:in passato i Fiat 314 (vetture da 7,5 metri di lunghezza),successivamente gli Iveco A49 10 CAM Pollicino da 6 metri ed attualmente i Mercedes AG MB 414/New Car, vetture da 6,5 metri di lunghezza,tra le più corte del parco (gli Autodromo Alè, lunghi 8 metri avrebbero problemi nel girare per la Salita Monte del Gallo).
* La linea 50 Express (P.za San Silvestro – P.za di Cinecittà), più volte annunciata non è mai stata istutita in quanto sarebbe stata un doppione della metropolitana
* Sulla linea 650 (P.za S. Giovanni in Laterano – P.za di Cinecittà) sono state utilizzate in passato spesso le vetture più insolite come gli Iveco 370, bus extraurbani provenienti dall’Apm di Perugia
* Nel mese di maggio 2007, per agevolare i visitatori della Fiera di Roma, Trambus ha istituito un temporaneo servizio navetta tra la stazione RFI di Fiera di Roma ed i Padiglioni, utilizzando gli Iveco 380.12.38 /Orlandi Euroclass HD e MAN UL 213/Autodromo IL2000, normalmente destinati ai servizi da noleggio
* Gloria cinematografica per alcune vetture MAN NM 152 (1871 – 1884) protagoniste del film “Notturno Bus” con Valerio Mastrandrea
* La linea M (Stazione Termini – Via P. de Coubertin) a servizio dell’Auditoriun, preste servizio esclusivamente dalle 17.00 alle 00.00 e sulle tabelle di fermata la “M” è raffigurata come fosse formata da due note musicali
* La linea 230 (Via del Sacro Cuore di Maria – V.le della Moschea) è in servizio esclusivamente il Venerdì (giorno di preghiera per le persone di fede islamica) e non effettua fermate intermedie

Arrivati a questo punto, sperando che non vi sia venuto un forte mal di testa, confidiamo di aver risposto a tutte le vostre domande, dandovi, perché no, anche qualche spunto per un gita un po’ particolare, tutta, ovviamente, all’insegna del trasporto pubblico… basta un semplice BIT da 1 euro per partire alla scoperta di una Roma…insolita.

IPM - IlPendolareMagazine © www.ilpendolare.it



I Vostri Commenti

 
Articoli Correlati

Nessun articolo correlato




   
Mensile
 
Highlights
 
Sezioni
 
Arretrati
Notiziario
 
InfoMobilità
     



a cura di ilMeteo.it